Si ricomincia, il 4 dicembre si vota per il referendum sulla costituzione.

Parlamento on line cioè io Maurizio Aluigi porto avanti la mia idea per una democrazia e per un sistema organizzativo più evoluto, più innovativo, più ingegnoso dell’ attuale, idoneo sia a livello di comune che a livello regione, a livello di stato e a livello di comunità di stati e anche a livello mondiale.

La mia idea è molto semplice, gli attuali sistemi sono formati da tre livelli, elettori (base), parlamento (1 o più camere livello intermedio), governo (vertice), ho usato termini geometrici per avere in mente una rappresentazione grafica del sistema attualmente usato, la mia idea è quella di interporre tra il parlamento che prepara e coordina le leggi altri livelli, altri gruppi di persone che hanno la funzione primaria di votare le leggi più importanti, queste persone hanno già una carica elettiva che può essere consigliere comunale, segretario comunale di partito a salire ma possono essere anche semplici cittadini che si vogliono coinvolgere alla votazione delle leggi più importanti essi sono chiamati saltuariamente a votare le leggi, una sorta di referendum limitato a un numero limitato di rappresentati votati dai cittadini.

Nei mie video questi strati intermedi tra tutto il corpo elettorale e il parlamento gli ho chiamati basi due, base tre, base quattro ma forse un nome più appropriato può essere grandi votanti, assemblea dei cittadini, assemblea dei votanti , grandi cittadini, il loro compito primario è votare le leggi preparate dal parlamento (senato).

Penso che per me il nome più appropriato per il parlamento non sia la camera dei deputati che nell’immaginario si può portare a giocare con le parole, ma senato in riferimento all’antico senato romano.

Penso che sia giusto un senato con una maggioranza certa cioè con un premio di maggioranza mentre le assemblee dei cittadini devono a scendere di livello una composizione proporzionale con premio di maggioranza inferiore fino a che quella più numerosa sia proporzionale puro, specchio della nostra società (da rivedere).

Penso che quando si portino al voto le leggi all’assemblee dei cittadini essi possono votare o la soluzione della maggioranza oppure quella che a preso più voti della minoranza, un sistema a doppio turno per le leggi come molti hanno evidenziato che ha portato a dei buoni risultati con la votazione dei partiti.

Non so quali idee, soluzioni, propositi, riforme il Movimento 5 Stelle voglia contrapporre alla proposta del Partito Democratico, per ora conosco solo la mia idea, soluzione ed è mia intenzione portarla avanti anche senza l’aiuto delle forze politiche in caso che per loro sia troppo innovativa o peggio ancora troppo vicina ai cittadini da ridurre il loro peso/potere sulle persone, ebbene è mia intenzione portare avanti questa idea con lo strumento del crowdfunding che in altri paesi e per altri progetti a portato a dei ottimi risultati.




 Home  |  Youtube  |  Facebook  |  Twitter  |  Google Plus 
 Crowdfunding 

Parlamento On Line di Aluigi Maurizio